2

Come abbassare la glicemia e prevenire il diabete in modo naturale grazie alle particolari proprietà delle foglie di olivo

foglie di olivo per diabete

È una patologia che colpisce sempre più persone. Stiamo parlando del diabete, definita dall’International Diabetes Federation come una delle più grandi epidemie di oggi.

Basterà dare uno sguardo alle cifre: 425 milioni di ammalati nel mondo nel 2017, con una previsione che arriva a 552 milioni nel 2030. Dati che confermano il trend in crescita.

In Italia non va meglio, visto che secondo i dati forniti dalla Società Italiana di Diabetologia sono 4 milioni i nostri connazionali con diabete conclamato, più un altro milione di persone che ancora non sa di essere ammalato. E i dati sono anche qui in crescita.

Se non lo sapessi, il diabete è inoltre una patologia che può essere fonte di molti e seri problemi, anche molto gravi, e che quindi è assolutamente importante non trascurare.

Ma cosa si può fare per prevenire il diabete? Si possono utilizzare dei metodi naturali?

Lo scopriremo insieme in questa guida in cui parleremo di uno dei più potenti integratori naturali per prevenire il diabete e le sue nefaste conseguenze: le foglie di olivo.

Mettiti comodo quindi e… iniziamo!

Confezione dell'infuso di foglie d'olivo "Verdepuro BIO"

Scopri subito Verdepuro BIO

L'infuso di foglie di olivo al 100% biologico

Prevenire il diabete: cosa possiamo fare?

Il diabete è una patologia metabolica comune che viene caratterizzata da un’elevata concentrazione di zuccheri (altrimenti detti glucosio) nel sangue. A determinare questo dislivello è un insufficiente o cattivo funzionamento di un ormone, l’insulina, che serve proprio a metabolizzare gli zuccheri, trasportandoli all’interno delle nostre cellule.

Questo funzionamento può essere perciò carente in quantità o in qualità ed è qui che si vengono a distinguere i due tipi di diabete: quello di tipo 1 e quello di tipo 2.

Il diabete di tipo 1 è dovuto a una quantità di insulina troppo bassa: il pancreas, organo deputato alla produzione di questo ormone, non ne produce infatti abbastanza. Occorrono perciò, a chi è ammalato di diabete di tipo 1, delle iniezioni quotidiane di insulina per garantirsi la sopravvivenza. Questo tipo di patologia è probabilmente di origine genetica e insorge per la maggior parte dei casi nell’infanzia o nell’adolescenza.

Diverso è invece il discorso per il diabete di tipo 2, la forma più comune di diabete e dovuto a un cattivo funzionamento dell’insulina: quest’ultima non manca nell’organismo ma non riesce a fare bene il suo lavoro, in quanto le cellule non riescono a utilizzarla.

Il diabete di tipo 2 insorge in età adulta, in genere dopo i 40 anni e, anche nei soggetti predisposti, il suo sviluppo dipende il larga misura dallo stile di vita che si adotta.

Curare l’alimentazione, dedicarsi a una giusta attività fisica e utilizzare dei rimedi naturali efficaci può essere una buona strategia per la prevenzione di questa patologia.

Vediamo nel dettaglio i comportamenti da adottare.

Cura l’alimentazione: attenzione a quello che mangi

La prima regola per prevenire il diabete è quella di adottare una sana alimentazione. Contrariamente a quello che si potrebbe pensare, non c’è bisogno di grossi sacrifici ma le azioni che si adopereranno in tal senso saranno di grande giovamento alla salute.

Innanzitutto occorre evitare alimenti ricchi di zuccheri (merendine, biscotti elaborati, bibite gassate, cibi da fast food) e preferire alimenti ricchi di fibre come cereali integrali, legumi e vegetali, alimenti che contribuiscono a tenere sotto controllo la glicemia.

Il pane e la pasta non vanno perciò necessariamente eliminati del tutto (anche se in alcuni casi è utile), ma molto ridotti, e devono sempre essere a base di cereali integrali.

Importante, inoltre, evitare gli insaccati e di eccedere con carni rosse e formaggi (ad eccezione di alcuni stagionati o magri, tipo la ricotta) e preferire carni bianche e pesce.

Sì al cioccolato, ma solo extra-fondente e in quantità ridotte, e sì al caffè, in quanto è stato provato scientificamente che contiene delle sostanze che abbassano la glicemia.

Come condimenti è da privilegiare sempre l’olio extravergine di oliva, mentre vanno banditi i superalcolici (consentito solo il vino rosso, in non più di un bicchiere a pasto).

I chili di troppo sono nemici del diabete, quindi è bene perderli.

Fai attività fisica in modo costante

Una buona attività fisica, esercitata in maniera moderata ma costante, consente di tenere a bada l’avanzata del diabete di tipo 2 e di non ammalarsi, laddove possibile.

Non sempre occorre stancarsi in palestra, sono sufficienti infatti anche 30 minuti di passeggiata al giorno, in modalità camminata veloce, o degli esercizi a corpo libero.

In questo modo sarà più facile tenere sotto controllo la glicemia.

Altre abitudini: non fumare e integratori naturali

È buona norma adottare anche altre abitudini sane per scongiurare il diabete.

Una cosa da fare subito è smettere di fumare, se si è fumatori, ed evitare il fumo passivo: questo perché il fumo aumenta moltissimo l’ossidazione cellulare causata dai radicali liberi, oltre a indebolire enormemente il nostro sistema immunitario e metabolico.

Se inoltre si è soggetti a frequenti infezioni urinarie o genitali (cistite, candida, uretrite, ecc) o si soffre di carie e di infiammazioni cutanee, andrebbe valutata una visita medica specialistica e occorrerà riguardare la dieta per tenere sotto controllo la glicemia.

La glicemia va comunque controllata dopo i 45 anni di età almeno una volta all’anno ma, se si hanno familiari di primo grado con diabete di tipo 2, bisogna cominciare già a 30.

Una sana abitudine è quella di integrare la propria alimentazione con delle sostanze naturali che possono aiutare a tenere sotto controllo la glicemia. Una di queste sono le foglie di olivo che, se assunte regolarmente, apportano un significativo giovamento.

Benefici delle foglie di olivo sul diabete

Sono tanti i benefici delle foglie di olivo sulla salute, anche al fine di prevenire il diabete.

Queste proprietà benefiche sono dovute prevalentemente a due sostanze fondamentali, l’oleuropeina e l’acido elenolico, che esercitano un’azione ipoglicemizzante sul sangue.

Sono tre, comunque, i principali punti di forza delle foglie di olivo contro il diabete.

Abbassano la glicemia

L’azione ipoglicemizzante delle foglie di olivo, in particolare dell’infuso che da esse si ricava, è accertata da diversi studi scientifici e dallo stesso Ministero della Salute.

Essa è dovuta, in particolare, all’acido elenolico, che abbassa i livelli di glucosio ematico e migliora l’assimilazione dell’insulina da parte delle cellule. L’assunzione di un integratore a base di foglie di olivo permette di ridurre i livelli di glicemia anche del 25-30%.

In più ne beneficia anche la circolazione sanguigna, con vasi sanguigni più liberi.

Aiutano a perdere peso

Abbiamo visto come il diabete di tipo 2 sia legato al sovrappeso e all’obesità.

L’assunzione di un integratore a base di foglie di olivo, associata ad una corretta alimentazione e alla giusta quantità di attività fisica, aiuta anche in tal senso. Questa affermazione non è campata in aria ma viene sostenuta da ricerche universitarie.

La University of Southern Queensland, diretta dalla professoressa Lindsay Brown, ha pubblicato sul Journal of Nutrition uno studio secondo cui  le foglie di olivo possono essere usate per ridurre il grasso addominale e tenere lontano il pericolo obesità.

Ciò sarebbe dovuto ai polifenoli, di cui le foglie di olivo sono ricche, che danno il via alla cosiddetta lipolisi, cioè alla trasformazione da parte dei tessuti dei grassi cattivi in grassi buoni. In questo modo si viene protetti dalla sindrome metabolica e dal diabete.

L’azione dimagrante è anche legata alla capacità dei fenoli di aumentare i livelli di serotonina nel sistema nervoso centrale, ormone (presente anche nel cioccolato) capace di ridurre notevolmente la fame nervosa e di conseguenza il bisogno di zuccheri.

Proteggono il cuore

Uno degli effetti più temuto del diabete è quello di minare la salute del cuore e del sistema cardiovascolare. Un livello di glicemia troppo alto nel sangue predispone infatti a scompensi e a patologie gravi come coronopatie, angine, infarti del miocardio e ictus.

Anche in tale frangente, un utilizzo costante dell’infuso di foglie di olivo ha dimostrato di avere un’azione antiaritmica e cardiotonica, contrastando inoltre l’angina pectoris.

L’effetto cardioprotettivo è dovuto all’oleuropeina (come già evidenziava uno studio del 1948 a opera del prof. Capretti), utile anche in caso di occlusione coronarica.

In pratica, l’infuso agisce sul sistema muscolare per vasodilatazione.

Molto importante anche la presenza della rutina, bioflavonoide che rinforza i capillari e rende il sangue più fluido, andando a prevenire la formazione di coaguli e trombi.

Altri benefici delle foglie di olivo sulla salute

I benefici delle foglie di olivo non si fermano qui ma interessano anche altri aspetti della salute, connessi più o meno direttamente al diabete e alle sue conseguenze sulla salute.

Sappiamo quanto questa patologia, ad esempio, induca a un rallentamento nella guarigione delle ferite, con esposizione a ulcere, soprattutto degli arti inferiori.

Nelle foglie di olivo sono presenti i tannini, molecole che si trovano, ad esempio, anche nel comunissimo tè. Queste sono utili alla coagulazione del sangue e alla guarigione delle ferite. L’azione dei tannini nelle foglie di olivo contribuisce perciò ad alleviare le infiammazioni e ad accelerare la guarigione delle alterazioni cutanee e delle ulcere.

Controindicazioni ed effetti collaterali

L’infuso di foglie di olivo, essendo una sostanza completamente naturale, non possiede particolari controindicazioni o effetti collaterali, dunque è consigliabile un po’ a tutti.

Tuttavia va detto che, se si hanno problemi di coagulazione del sangue e se si stanno assumendo dei farmaci anticoagulanti, l’utilizzo dell’infuso va preventivamente concordato con il medico. Il medico di base o lo specialista vanno comunque sentiti prima di assumere qualsiasi integratore, anche naturale, se si soffre di patologie.

Ad ogni modo, l’unico effetto collaterale di cui si ha notizia nell’assunzione di integratori a base di foglie di olivo è la cosiddetta reazione di Jarish-Herxheimer (dal nome dei dermatologi tedeschi che l’hanno scoperto e documentato ormai più di cento anni fa).

Si tratta di effetti dovuti all’espulsione delle tossine dal sangue, che si potrebbero manifestare con sintomi minori come dolori muscolari, cefalea, brividi e febbre.

Questa reazione di solito regredisce e scompare nel giro di 24 ore, ma se dovesse persistere si deve sospendere la terapia per qualche giorno e sentire il medico.

Come assumerle e dosi consigliate

La forma migliore per assumere le foglie di olivo è l’infuso, perché contiene le sostanze benefiche in quantità più precise. La dose consigliata è di 70 ml a digiuno al mattino.

In giro, soprattutto sul web, ci sono tante ricette per preparare l’infuso a casa. Il nostro consiglio è di non affidarsi al fai da te, in quanto sbagliare le dosi significherebbe ridurne gli effetti benefici o a provocare, nei casi peggiori, anche qualche danno alla tua salute.

Meglio dunque affidarsi a preparazioni già pronte, confezionate da aziende serie.

Dove acquistare l’infuso di foglie di olivo

Se sei interessato a questo integratore, a questo punto hai due possibilità.

  • Se vuoi saperne di più sull’infuso di foglie di olivo Verdepuro BIO, t’invitiamo a consultare con attenzione la pagina di presentazione del prodotto;
  • Se invece hai ancora qualche dubbio sull’infuso di foglie di olivo, t’invitiamo a lasciare la tua domanda qui sotto per ricevere quanto prima una risposta.

Fai le tue valutazioni e non esitare… la tua glicemia ti ringrazierà!

Clicca qui per lasciare un commento... 2 commenti
Cinzia - 31 Agosto 2020

Vorrei sapere se posso sostituire la metformina con l’infuso di foglie di olivo

Reply
    Olivoterapia - 2 Settembre 2020

    Buongiorno,

    l’infuso di foglie di olivo ha certamente un effetto benefico sulla glicemia.

    Ma l’opportunità di sostituire un trattamento farmacologico con un semplice integratore è una decisione che spetta sempre al suo medico curante.

    Un saluto,

    Francesco Cavaliere
    Fondatore di olivoterapia.it

    Reply

Scrivi il tuo commento: