Come rinforzare i capillari fragili grazie alle alle proprietà benefiche delle foglie di olivo e dire addio alla ritenzione idrica

foglie di olivo per capillari

La fragilità capillare è un problema molto diffuso, soprattutto tra le donne.

Queste ultime infatti, rispetto agli uomini, sono maggiormente predisposte ad avere disturbi circolatori a carico delle gambe che possono causare svariati tipi di disturbi e problemi come il gonfiore delle gambe, la formazione di vene varicose, un senso di pesantezza e di formicolio alle gambe e la famosa ritenzione idrica, causa della cellulite.

Fortunatamente, esistono diverse soluzioni.

Tra queste, i rimedi naturali sono tra quelle più in voga. Essendo privi di effetti collaterali possono adattarsi a quasi ogni situazione, dando risultati interessanti.

Tra questi spiccano sicuramente le foglie di olivo che, grazie al loro effetto benefico sulla circolazione e al loro potere drenante, possono essere un toccasana per i capillari.

Vediamo quindi quali sono i loro benefici e come possono effettivamente aiutarci a dire addio a fastidiosi disturbi come vene varicose, pesantezza, ritenzione idrica e cellulite.

Prenditi 5 minuti per te stessa e… iniziamo!

Confezione dell'infuso di foglie d'olivo "Verdepuro BIO"

Scopri subito Verdepuro BIO

L'infuso di foglie di olivo al 100% biologico

Capillari fragili: all’origine del problema

La fragilità capillare può essere causata da numerosi fattori. Per la maggior parte si tratta di problematiche non gravi e quindi generalmente non identificabili come patologiche.

La fragilità capillare, ad esempio, può essere dovuta a predisposizioni genetiche, deficit nutrizionali – in particolare alla mancanza di vitamina C e P – alterazioni ormonali temporanee come la gravidanza e scorrette abitudini comportamentali, a un’eccessiva esposizione al sole, una condizione di sovrappeso o di obesità, stress e inattività fisica.

Sono di misura inferiore invece i casi in cui la fragilità capillare nella donna è dovuta a problematiche di tipo patologico, quindi anche più difficili da risolvere, e che necessitano di un approccio farmacologico. In questo articolo non tratteremo questi aspetti.

Benefici delle foglie di olivo sui capillari

I metodi naturali vengono spesso scelti come soluzioni efficaci per vari tipi di problemi di salute. Ad esempio, parlando dei capillari fragili, la natura può venirci incontro e aiutarci a risolvere o almeno migliorare il problema, con un approccio dolce ma efficace.

Per i problemi di capillari, in particolar modo delle gambe, si possono raggiungere buoni risultati con l’utilizzo di una pianta di cui le nostre campagne sono davvero ricche.

Stiamo parlando dell’olivo che, nelle sue foglie, custodisce numerose proprietà davvero importanti. L’olivo è dunque una pianta piena di sostanze pronte per essere estratte e utilizzate nei modi più diversi, con benefici noti e riconosciuti in tutto il mondo.

Ma soprattutto il vero tesoro nascosto della pianta dell’olivo è rappresentato dalle sue foglie che, se opportunamente sfruttate, possono essere davvero di grande aiuto.

Le proprietà delle foglie dell’olivo erano già note fin dall’antichità e venivano usate per combattere febbre e raffreddore, curare ulcere, mal di testa, emorroidi, per guarire le infiammazioni, per cicatrizzare piccole ferite e per numerose altre applicazioni.

In un passato più recente, grazie alle loro proprietà antisettiche, sono state usate durante la guerra per sterilizzare gli strumenti chirurgici, mentre i contadini usavano masticare qualche foglia oltre che curare piccole ferite causate dal lavoro nei campi.

Oggi, lo sviluppo delle tecniche estrattive e le ricerche sempre più mirate hanno reso le foglie d’olivo ancora più utilizzabili per aiutare a combattere disturbi di vario genere.

Rinforzano i capillari

Tra le numerose proprietà delle foglie d’olivo spiccano, come dicevamo sopra, quelle riguardanti la fragilità dei capillari. Gli studi dimostrano infatti che gli acidi grassi polinsaturi presenti nelle foglie dell’olivo portano alla formazione di trombaxano e prostaglandine, sostanze che aiutano a mantenere integri e sani i vasi sanguigni.

Nelle foglie di olivo è inoltre presente la rutina, un bioflavonoide detto anche vitamina P, utile proprio per rafforzare i capillari e regolare la loro permeabilità rispetto all’esterno.

Questo, insieme agli altri polifenoli, favorisce il riequilibrio dei fosfolipidi e rende il sangue più fluido evitando l’aggregazione delle piastrine. La rutina ha un notevole effetto benefico sulla microcircolazione, proteggendo dunque dalla rottura dei capillari.

Migliorano il microcircolo

Oltre alla rutina, tra i numerosi polifenoli contenuti nelle foglie di olivo il più importante è sicuramente l’oleuropeina, un glucoside amaro che ha caratteristiche antiossidanti.

Il suo effetto benefico primario è il potenziamento delle cellule dell’intero organismo.

Questa sostanza inoltre agisce come un ottimo vasoprotettore in grado di ripristinare il microcircolo all’interno dell’organismo e proteggere dunque in modo efficace i capillari.

Cicatrizzano le ferite

Sempre continuando a parlare dei flavonoidi presenti nelle foglie d’olivo, ci poi sono i tannini, molecole che aiutano coagulare il sanguinamento capillare e dunque a guarire le ferite. Si tratta di molecole che agiscono astringendo la superficie della pelle e delle mucose e formando una sottile membrana in grado di velocizzare così la cicatrizzazione.

Questa azione astringente e antinfiammatoria dei tannini è molto utile per curare le infiammazioni di tutto il tratto digestivo come gastriti, diarrea e anche emorroidi.

Inoltre, questa proprietà delle foglie d’olivo è molto utile ed efficace per la cura delle dermatiti o di altre malattie che provocano alterazioni cutanee, come la psoriasi.

Altri benefici delle foglie di olivo sulla salute

Ma non finisce qui, i benefici che le foglie d’olivo possono avere sulla salute sono davvero numerosi e, come dicevamo prima, spaziano tra problematiche di tipo diverso.

Ad esempio, le foglie d’ulivo sono un vero toccasana in caso di pressione arteriosa elevata. Oppure l’uso costante delle foglie d’ulivo può permettere di ridurre i valori del colesterolo e dei lipidi, portando all’abbassamento del cosiddetto colesterolo cattivo.

L’oleuropeina e l’acido elenolico contenuti nelle foglie dell’albero di olivo hanno anche un effetto anti-diabetico e sono così indicate nelle cosiddette situazioni di pre-diabete.

Confezione dell'infuso di foglie d'olivo "Verdepuro BIO"

Scopri subito Verdepuro BIO

L'infuso di foglie di olivo al 100% biologico

Controindicazioni ed effetti collaterali

Durante l’assunzione delle foglie dell’olivo, possibilmente sotto forma di infuso, è possibile che aumenti la minzione urinaria. Ciò fa parte proprio dell’effetto benefico del prodotto, che aiuta in modo significativo l’espulsione delle tossine dall’organismo.

Inoltre è possibile che, soprattutto nei primi giorni del trattamento, compaiano dei dolori articolari o muscolari o anche qualche forma comunque non fastidiosa di prurito.

Sono tutti sintomi normali, legati all’espulsione repentina di un gran numero di tossine che altrimenti circolerebbero all’interno dell’organismo. Queste, prima di essere espulse, vengono assorbite dai tessuti e potrebbero dare luogo ai disturbi sopra elencati.

Non spaventarti però, se ti dovesse capitare di avere uno o più di questi sintomi significa solo che l’infuso sta funzionando bene e ha dato avvio a una forte azione purificante.

Questo fenomeno è detto anche reazione di Jarish – Herxheimer e prende il nome da quello dei dermatologi tedeschi che l’hanno scoperto e documentato oltre cento anni fa.

I sintomi di cui abbiamo parlato, quindi dolori articolari, muscolari e prurito, generalmente spariscono nel giro di pochi giorni e non devono destare preoccupazione.

Se invece dovessero continuare a persistere per più giorni o iniziassero a diventare particolarmente intensi sarà necessario consultare un medico che deciderà se proseguire o sospendere il trattamento, o magari anche proseguirlo ma con dosi diverse.

È invece senza dubbio importante consultare il proprio medico prima di iniziare ad assumere le foglie di olivo nel caso tu abbia patologie importanti già note.

Vediamo quindi quali sono i dosaggi consigliati.

Come assumerle e dosi consigliate

La forma migliore per assumere le foglie di olivo è sotto forma di infuso, perché questo contiene le sostanze benefiche in quantità più precise e ha un sapore più gradevole.

È possibile preparare l’infuso fai da te a casa, acquistando le foglie di olivo, o comprare il prodotto già pronto in farmacia o erboristeria. Nel primo caso bisogna lasciare bollire l’infuso in acqua a fuoco lento per circa 15 minuti e poi filtrare il composto prima di berlo.

In ogni caso le dosi consigliate sono di 70 ml a digiuno, da assumere ogni mattina.

Dove acquistare l’infuso di foglie di olivo

Se sei interessato a questo integratore, a questo punto hai due possibilità.

  • Se vuoi saperne di più sull’infuso di foglie di olivo Verdepuro BIO, t’invitiamo a consultare con attenzione la pagina di presentazione del prodotto;
  • Se invece hai ancora qualche dubbio sull’infuso di foglie di olivo, t’invitiamo a lasciare la tua domanda qui sotto per ricevere quanto prima una risposta.

Fai le tue valutazioni e non esitare… le tue gambe ti ringrazieranno!

Clicca qui per lasciare un commento... 0 commenti

Scrivi il tuo commento: